ANTIBIOTICI e GRAVIDANZA

“Il messaggio che deve passare, sottolinea il prof. Bernard, è che le infezioni devono essere trattate durante la gravidanza. Le donne dovrebbero chiedere al medico di individuare la migliore opzione di trattamento. È comunque rassicurante vedere che i trattamenti di prima linea e gli antibiotici più utilizzati nella popolazione (penicillina, cefalosporina) non sono stati associati ad un aumentato rischio di aborto spontaneo “.

Per quantificare l’associazione tra l’esposizione antibiotica durante la gravidanza e il rischio di aborto spontaneo, Anick Berard e colleghi, della University of Montreal, hanno condotto uno studio caso-controllo all’interno della Quebec Pregnancy Cohort (1998-2009). Lo studio ha esaminato l’esposizione agli antibiotici solo durante la fase precoce della gravidanza.” Non è stata stabilita una relazione dose-risposta, ma i ricercatori si sono concentrati sull’utilizzo degli antibiotici per 5-10 giorni, il periodo che copre la durata tipica di una prescrizione”, ha spiegato Berard. L’analisi comprendeva 8.702 casi, definiti come aborti spontanei clinicamente rilevati, per una coorte di riferimento di 87.020 controlli.

Gli antibiotici assolutamente da evitare sono i macrolidi (esclusa l’eritromicina), chinoloni, tetracicline, sulfonamidi e metronidazolo perché hanno causato un aumento del rischio di aborti spontanei statisticamente significativo. Lo studio in oggetto è stato pubblicato sul Canadian Medical Association Journal

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...